cellule staminali

Le cellule staminali sono cellule primitive, non specializzate, dotate della capacità di trasformarsi in diversi tipi di altre cellule del corpo attraverso il differenziamento cellulare. Una scoperta a dir poco straordinaria è stata effettuata pochi giorni fa: si tratta di cellule staminali capaci di generare nuovo tessuto osseo.

La scoperta, riportata su un articolo pubblicato sulla rivista Stem Cells, descrive la presenza di nuove interessanti cellule staminali che si trovano nei canali vascolari ossei. Queste cellule staminali, mediante tali canali, si propagano attraverso l’osso. Nello specifico, si tratta di cellule perivascolari transcorticali (TPC) che sembrano essere alla base per la generazione di nuovo materiale osseo, ossia per la formazione di nuove cellule che costituiscono il tessuto osseo. Secondo il ricercatore Ivo Kalajzic, le TPC svolgono un compito importante: regolare la formazione delle ossa e partecipare alla riparazione della massa ossea stessa.

Fino a qualche anno fa, i ricercatori hanno sempre sostenuto che le cellule staminali coinvolte nella formazione e riparazione delle ossa si trovassero nel midollo osseo e sulla superficie esterna dell’osso. Numerosi studi negli anni, hanno però dimostrato che cellule staminali capaci di rigenerare e riparare le ossa si trovano anche in una rete di canali vascolari. Questi ultimi, hanno il compito di distribuire le cellule del sangue fuori dal midollo osseo poiché collegano le parti interne ed esterne dell’osso stesso.

Lo studio in questione rappresenta il primo vero studio che dimostra che queste cellule presenti in questi canali vascolari possono differenziarsi in osteoblasti. Questi ultimi, sono le cellule ossee deputate all’apposizione di matrice ossea.

Questa scoperta straordinaria effettuata dai ricercatori statunitensi apre nuove speranze poiché potrebbe rivelarsi molto utile per regolare la formazione o il riassorbimento osseo. In tal modo, si potrebbe pensare di agire in modo mirato su particolari patologie ossee, prima tra tutte, la diffusissima osteoporosi.