Apple ha deciso di espandere il numero di App Store autorizzati in 20 nuovi paesi quest’anno, secondo quanto annunciato dalla società sul suo portale per gli sviluppatori, segnando l’ultima delle mosse di espansione previste dalla società.

Per ora, non si sa quando sarà disponibile il supporto per le nuove regioni. Tuttavia, Apple ha chiesto agli sviluppatori di accedere ai propri account sul sito web degli sviluppatori e di accettare gli accordi di licenza aggiornati per rendere accessibili le loro app quando sarà il momento.

20 nuovi paesi diventeranno nuovi membri nel 2020

L’annuncio di Apple esorta gli sviluppatori ad aggiornare le loro informazioni entro il 10 aprile, il che significa che il lancio potrebbe iniziare da allora. Attualmente, Apple offre l’App Store in 155 paesi o regioni in tutto il mondo.

L’elenco dei nuovi paesi che avranno accesso all’App Store è il seguente, tramite 9to5Mac:

  • Afghanistan
  • Gabon
  • Costa d’Avorio
  • Georgia
  • Maldive
  • Serbia
  • Bosnia Erzegovina
  • Camerun
  • Iraq
  • Kosovo
  • Libia
  • Montenegro
  • Marocco
  • Mozambico
  • Myanmar
  • Nauru
  • Ruanda
  • tonga
  • Zambia
  • Vanuatu

 

Situazione instabile per la società

Nonostante tutto però, bisogna ricordare che la società sta affrontando attualmente tutti i problemi legati alla diffusione del coronavirus, e come se non bastasse, due uomini di New York ultimamente sono stati arrestati per aver rubato da uno Store nella periferia di Chicago a fine febbraio una somma ingente. Secondo quanto riferito dalla polizia di Chicago, i due uomini hanno rubato 9.600 dollari di smartwatch e 2400 dollari di AirPods.

Questo tipo di abuso non è nuovo alla società, che una volta fronteggiata la pandemia dovrà rivedere le sue misure di sicurezza.