dormiamo meglio

Si sa che un ottimo riposo notturno ci rinvigorisce, ci fa stare meglio, ci aiuta ad affrontare la giornata con maggiore carica. Però, sono tante le persone che soffrono di disturbi del sonno e che faticano ad addormentarsi. Secondo uno studio molto recente, dormiamo meglio se intorno a noi vi è un’abbondante presenza di alberi.

Lo studio in questione, pubblicato sulla rivista SSM- Population Health, è il frutto di un lavoro svolto da un team di ricercatori australiani e cinesi. Secondo gli scienziati i parchi, i boschi e, in generale, tutti gli spazi verdi vicini alle abitazioni aiutano a minimizzare l’impatto dell’inquinamento acustico che può rendere problematico il sonno, soprattutto d’estate. Dunque una maggiore presenza di alberi può favorire il sonno riducendo il rischio di non dormire per il numero di ore necessarie. Inoltre, in un articolo pubblicato su The Conversation, gli studiosi spiegano che un contatto ravvicinato con la natura riduce notevolmente lo stress.

Lo studio dei ricercatori australiani e cinesi non rappresenta il primo tentativo di trovare una connessione tra le piante, le “zone verdi” e la qualità del sonno. Però, si tratta di uno studio longitudinale che risolve alcune problematiche riscontrate in studi precedenti. In particolare, gli scienziati hanno riscontrato probabilità più basse del 13% di dormire meno nelle persone residenti in aree in cui il 30% o più della copertura del terreno presentava chiome o alberi.

Dunque, è chiaro che dormiamo meglio se siamo circondati dalla natura. Ovviamente chi vive nelle grandi metropoli in cui gli spazi verdi sono ridotti o completamente assenti, ha minore probabilità di godere di un sonno migliore. Bisogna però considerare tutti i fattori, esattamente come hanno fatto i ricercatori: età, sesso, istruzione, codice lavorativo, reddito familiare, eccetera.