WhatsApp da sempre è la piattaforma di messaging più utilizzata al mondo, con oltre 2 miliardi di utenti attivi ad oggi.

Ovviamente questa piattaforma è adoperata non solo per comuni messaggi di testo, ma anche per scambiarsi informazioni riguardo i fatti in tutto il mondo.

Proprio a questo proposito, l’ultimo periodo, vista l’emergenza Coronavirus in corso, ha visto WhatsApp come mezzo di diffusione di moltissime notizie.

Se però la maggior parte di utenti ha adoperato WhatsApp per diffondere notizie reali e inerenti il dramma in corso, qualcuno ha distribuito fake news, le quali hanno contribuito a diffondere il panico, creando quella che viene definita infodemia o bulimia informativa, ovvero la diffusione di notizie contraddistinte dalla dubbia affidabilità.

La nuova funzione anti fake news

Proprio alla luce di questi fatti, Facebook (proprietaria della piattaforma) ha deciso di inserire una nuova funzione ad-hoc per contrastare la diffusione delle fake news.

I ragazzi di WABetainfo, hanno analizzato il codice sorgente dell’applicazione e hanno così carpito i segreti della funzione che molto presto potrebbe entrare in roll-out.

Stando a quanto dichiarato dagli analisti, questa funzione dovrebbe prendere corpo in una lente di ingrandimento che apparirà accanto ad ogni messaggio.

Tale lente se cliccata, incollerà il testo del messaggio all’interno della barra di ricerca Google, permettendo così di verificarne subito la autenticità mediante le varie corrispondenze.

Sebbene non è confermato che la nuova feature avrà tale forma, è sicuro il suo debutto, dal momento che un portavoce di WhatsApp ha confermato che l’azienda ha intenzione di inserire funzionalità proprio con lo scopo di verificare determinate informazioni.

Non resta dunque che attendere e vedere cosa ci riserverà il futuro e cosa l’azienda social deciderà in merito a WhatsApp.