Il nuovo brand unico WindTre ha mantenuto i “vizi” della vecchia compagnia telefonica. Moltissimi utenti infatti ci hanno segnalato di essere stati obbligati a spendere 6 euro in più al mese per ottenere un modem che gli permettesse di avere la Fibra FTTH.

In caso contrario, ovvero che l’utente rifiuta di acquistare un modem al prezzo di 6 euro in più al mese, verrebbe dall’operatore forzato ad attivare una rete ADSL. Scopriamo i dettagli e la risposta dell’azienda.

 

WindTre obbliga gli utenti ad acquistare un modem, ecco la sua versione

La delibera sui modem parla chiaro, chiunque non voglia scegliersi il proprio modem, deve poter sottoscrivere un abbonamento con caratteristiche simili a quello dell’abbonamento con il modem fornito dal gestore. Nonostante sia passato più di un anno dall’entrata in vigore della delibera, c’è ancora chi cerca di imporre il modem proprietario. Stiamo parlando del nuovo operatore WindTre, che ha deciso, ignorando la delibera di Agcom, di dare la Fibra solamente a chi acquista insieme all’abbonamento anche il modem. Stiamo parlando di 288 euro in più in 48 mesi.

Sul sito ufficiale dell’operatore, scegliendo l’offerta da 19.99 euro al mese, con il modem diventa di 25.98 e, dopo aver fatto una verifica della copertura, se la nostra zona è coperta dalla Fibra FTTH, ci propone l’abbonamento. Gli utenti che non hanno interesse nell’acquistare il modem proprietario potranno attivare la nuova Absolute a 19.90 euro al mese ma in ADSL. Infatti, inserendo lo stesso indirizzo di prima, il sito indica che la nostra zona non è ancora raggiunta dalla Fibra.

Non si tratta di un errore, ma bensì di una scelta deliberata dall’azienda, che si può scoprire dando una sbirciata nel codice del sito. Questo è un comportamento in totale contrasto con la delibera di Agcom, che dice chiaramente: “non si può fare discriminazione sulle offerte e sulla qualità del servizio. WindTre, per non fare discriminazioni, vuole i quasi 300 euro del proprio modem“.

L’operatore unico, contattato dalla redazione di Dday ha dichiarato: “A seguito del lancio del nuovo sito web di WINDTRE, rilasciato lo scorso 16 marzo, si sono verificate casistiche particolari, ora, sostanzialmente, risolte. Quella citata nell’articolo, nello specifico, non consentiva di effettuare correttamente la verifica sulla copertura di linea fissa disponibile, ADSL o fibra FTTH. La situazione è stata normalizzata e l’offerta risulta regolarmente disponibile. Inoltre, a tutela del cliente, contestualmente all’attivazione di una linea FTTH senza modem incluso, viene richiesto un contatto telefonico, per illustrare la procedura di attivazione dell’offerta e informare in merito alla compatibilità dei diversi modelli di modem“.