questionario

Da ieri ha avuto ufficialmente inizio la Fase 2 della pandemia da SARS-CoV-2, la fase in cui dovremo imparare a convivere con il virus. Ovviamente le autorità hanno richiesto un grande senso di responsabilità da parte di tutti i cittadini. Ognuno di noi si dovrà impegnare a rispettare tutte le direttive stabilite in modo da non vanificare gli sforzi compiuti sinora. Considerato che molte attività da ieri hanno ripreso a lavorare, anche se non a pieno regime, è certamente fondamentale riuscire a stimare in tempo reale la diffusione del contagio. Per farlo, il CNR ha creato un questionario disponibile online rivolto ai cittadini.

Questa iniziativa è stata svolta dal CNR in collaborazione con l’Università di Milano, la SIGG e la SIMIT. Si tratta del progetto EPICOVID19, un’indagine epidemiologica con risposte recepite in totale anonimato. Tutto ciò, per fornire alle autorità sanitarie un contributo immediato per definire programmi di intervento e di sorveglianza. Lo studio ha ricevuto l’approvazione del Comitato Etico dell’Inmi Lazzaro Spallanzani IRCCS quale comitato etico unico nazionale.

L’indagine epidemiologia avrà lo scopo di raccogliere quante più informazioni utili per poter stimare il numero di possibili infezioni da SARS-CoV-2 nella popolazione generale e determinare così le condizioni associate all’infezione. Una valutazione più accurata delle caratteristiche epidemiologiche a livello nazionale consentirebbe di formulare anche stime sui tassi di mortalità e letalità su una base più solida. Inoltre, tale indagine permetterebbe anche di assumere decisioni di politica sanitaria e sulle misure di contenimento più appropriate e di costruire modelli statistici previsionali solidi.

Il questionario che si propone di raggiungere ogni fascia di età all’interno della nostra popolazione italiana è disponibile a questa pagina web.