Hong Kong

Avete mai notato che in alcuni palazzi di Hong Kong ci sono dei grandi buchi? Qual è la spiegazione di questa bizzarra e curiosa scelta architettonica cinese? Scopriamola insieme.

I grandi buchi che possiamo osservare in alcuni palazzi di Hong Kong hanno una forma rettangolare e sono chiamate porte del drago. Tali “porte” servirebbero a permettere il passaggio dalle montagne all’acqua dell’oceano degli spiriti dei draghi. Queste ultime sono creature mitologiche che in Cina e nella cultura asiatica portano saggezza, coraggio e prosperità.

Ad Hong Kong questa particolare scelta architettonica è realizzata seguendo i principi del feng shui. Quest’ultima è un’antica arte ausiliaria anche dell’architettura per lo studio dell’orientamento delle cose, in questo caso dei palazzi, in armonia con le forze spirituali della natura. Tutto ciò, per favorire l’afflusso di energia positiva e scongiurare la cattiva sorte.

Quest’arte ha profondamente condizionato la posizione di Hong Kong, costruita tra le montagne cinesi e l’Oceano Indiano. Considerato che la leggenda narra che sulle montagne si trovano gli spiriti dei draghi, ecco allora che nascono gli edifici bucati. Questi ultimi, attraverso le loro “porte” permettono a queste straordinarie creature mitologiche di muoversi senza ostacoli per raggiungere il mare. È solo grazie a questi grandi buchi che i preziosi venti portafortuna potranno attraversare lo skyline della metropoli asiatica e regalare benessere e ricchezza ai suoi abitanti. Dunque quei bizzarri buchi presenti in alcuni palazzi della grande città cinese trovano in realtà una spiegazione artistica profonda. Il tutto, a servizio del benessere materiale e spirituale dei cittadini di Hong Kong.