mascherine di stoffa

Sin dall’inizio della pandemia tutte le autorità ci hanno fortemente raccomandato di indossare guanti e mascherine per impedire la diffusione di SARS-CoV-2. La forte carestia di mascherine verificatasi in tutto il mondo, Italia inclusa, ha spinto ognuno di noi a realizzare delle mascherine fai da te. Dunque, abbiamo soprattutto realizzato delle mascherine di stoffa, lavabili e che possiamo riutilizzare. Ma sono davvero efficaci per impedire la trasmissione del virus?

Sembrerebbe proprio di si e a dimostrarlo è uno studio apparso suAnnals of Internal Medicine. Lo studio in questione è il frutto delle ricerche condotte da Catherine Clase, professoressa di medicina della McMaster University e nefrologa del St. Joseph’s Healthcare Hamilton. Nello specifico, finora mancavano prove certe e dirette circa l’efficacia delle mascherine di stoffa nell’impedire la diffusione di SARS-CoV-2. Successivamente i ricercatori hanno concluso che le mascherine di stoffa commerciali in mussola di cotone a quattro strati, riduce la diffusione delle particelle del 99%. Infatti, per le goccioline emesse con uno starnuto o con un colpo di tosse, le mascherine di stoffa di questo tipo possono essere paragonate per efficacia a quelle utilizzate in ambito medico.

Ovviamente l’efficacia della mascherina indossata dipende anche dalle combinazioni di tessuto. Ad esempio, mascherine di tessuto con la combinazione cotone-flanella riescono a bloccare il 90% delle particelle. A fronte delle ricerche condotte e dei risultati ottenuti, la Clase ha affermato:

«In termini di creazione di maschere, è importante rendersi conto che più strati forniranno maggiore protezione, sia verso l’interno che verso l’esterno, ma renderà più difficile la respirazione».

Nonostante i risultati ottenuti, la ricercatrice sostiene che saranno necessari ulteriori studi per capire quali sono i materiali migliori, tra quelli lavabili, per proteggersi da virus come SARS-CoV-2.