aria pulitissima

Ogni giorno sentiamo spesso parlare di inquinamento, polveri sottili, aria irrespirabile che costringe i cittadini a girare armati di mascherine anti-inquinamento. Fondamentalmente, le nostre stesse attività limitano la quantità di aria pulita che possiamo respirare. Sembrerebbe però che esista una piccola area, una regione marina dell’Oceano Antartico non intaccata dall’inquinamento. Qui l’aria è pulitissima e sembra che le attività umane non ne compromettano la qualità.

A dimostrarlo è uno studio condotto da ricercatori dell’Università Statale del Colorado insieme a ricercatori del Dipartimento di Scienze dell’Atmosfera. Lo studio in questione è stato poi pubblicato sulle pagine della rivista Proceedings of National Academy of Sciences (Pnas). Dallo studio emerge che questa piccola area dove l’aria è pulitissima si trova poco a sud dell’Australia ed alimenta le nuvole inferiori dell’Oceano Antartico. Questa piccola regione marina, incontaminata e libera dalle particelle di “aerosol” prodotte perlopiù dalle attività antropiche, rappresenta davvero qualcosa di straordinario. Infatti, le stesse particelle trasportate grazie al vento in tutto il globo, sembrano non intaccare minimamente quella piccola regione dove l’aria rimane pulitissima.

Per il loro studio, i ricercatori hanno eseguito una spedizione nel remoto Oceano Antartico per analizzare le specie batteriche ivi presenti. Analizzare le specie microbiche è di fondamentale importanza perché esse forniscono informazioni riguardo la qualità della stessa aria. Ciò perché i microbi possono essere trasportati anche da un continente all’altro. Dalle analisi eseguite, i ricercatori hanno notato che l’aria al di sopra di questo specchio d’acqua sembrava del tutto isolata dalla dispersione di microparticelle di aerosol. Fenomeno che solitamente si verifica verso sud dal nord.

Il presente studio ci ha fatto dunque capire che questa piccola area dove l’aria è “incontaminata” potrebbe essere una delle poche al mondo a non aver subito gli effetti negativi delle attività antropiche. Pertanto, bisogna salvaguardarla con impegno.