radiazioni terahertz

Le radiazioni terahertz sono onde elettromagnetiche con una lunghezza d’onda che ricade nella fascia del Terahertz. Si tratta di onde elettromagnetiche non visibili all’occhio umano. Sembra che tali radiazioni siano in grado di distruggere molecole proteiche presenti all’interno delle cellule degli esseri viventi senza uccidere le cellule stesse.

A dimostrarlo è uno studio condotto da ricercatori del Centro per la Fotonica Avanzata del RIKEN poi pubblicato sulla rivista Scientific Reports. Il risultato ottenuto dal team di ricerca contraddice quanto finora si credeva circa gli effetti delle radiazioni terahertz sulle cellule. Questo tipo di radiazioni potrebbero essere utilizzate in numerosi e diversi settori come, per esempio, nella trattazione e manipolazione di funzioni cellulari.

Ciò che distingue le radiazioni terahertz dalle altre onde elettromagnetiche come i raggi X, è che esse non ionizzano. Ciò vuol dire che non danneggiano il DNA come fanno le radiazioni gamma o i raggi X. È proprio per il loro scarso potere di penetrazione che i ricercatori pensano di utilizzarle sui tessuti viventi.

Nello specifico, gli studiosi hanno voluto verificare se le radiazioni terahertz possono avere un qualche influenza sui tessuti biologici. Ciò, dopo che le stesse radiazioni sono state fermate mediante un effetto di propagazione delle onde di energia attraverso lo stesso tessuto. In particolare, il team di scienziati ha valutato gli effetti delle radiazioni terahertz sulla proteina actina. Mediante l’impiego di tecniche come la microscopia a fluorescenza ed altre, essi hanno notato qualcosa. Infatti, la luce terahertz in qualche modo impediva all’actina di polimerizzare in actina-F. Mediante esperimenti condotti su cellule viventi in laboratorio, i ricercatori hanno anche scoperto che la radiazione non causava la morte delle cellule.

Ciò è davvero interessante e apre le porte all’applicazione di queste radiazioni anche nel cancro ed in altre malattie.