robot di telepresenza

Con l’inizio della pandemia tutti noi abbiamo dovuto cambiare radicalmente le nostre abitudini all’improvviso. Anche bambini e ragazzi hanno iniziato a seguire le lezioni a distanza con non poche difficoltà. Un gruppo di scienziati sostiene che utilizzare robot di telepresenza rappresenti un valido aiuto per i ragazzi costretti a seguire le lezioni a distanza.

A dimostrare l’efficacia dei robot di telepresenza in questo contesto è uno studio condotto da ricercatori della National Science Foundation. Lo studio in questione è poi stato pubblicato sulla rivista Robotics and Automation. Nello specifico, i ricercatori intendono rimarcare l’importanza dei robot di telepresenza per quanto riguarda il contesto universitario. Infatti, secondo gli scienziati, tali dispositivi potrebbero essere di grosso aiuto per gli studenti costretti a seguire le lezioni a distanza. L’aiuto fornito dai robot consiste nel rendere gli studenti più partecipi ed attivi durante le lezioni.

I robot di telepresenza sono dispositivi che generalmente contengono un display montato su una base che può essere facilmente spostata. Inoltre, quelli di ultima generazioni possono anche mappare lo spazio circostante ed evitare così gli ostacoli mentre si spostano da una stanza ad un’altra. I robot di telepresenza rappresentano una sorta di “avatar” per quegli studenti che non sono in grado di poter frequentare regolarmente la scuola.

La comprovata efficacia degli androidi deriva da ricerche specifiche. Infatti, i ricercatori hanno analizzato i responsi di 18 studenti di ingegneria e di quattro dei loro insegnanti. Dalle analisi eseguite emergeva che gli insegnanti, ritenevano i robot di telepresenza utili strumenti preferibili ad altri utilizzati per l’apprendimento a distanza. Ciò, poiché la presenza dei robot garantiva maggiore coinvolgimento e consapevolezza da parte dei loro studenti. Ovviamente, tutti e quattro gli insegnanti hanno dichiarato che preferiscono in ogni caso insegnare agli studenti di persona.