super memoria

La super memoria è quella condizione in cui l’individuo possiede una memoria autobiografica superiore. E’ una condizione che permette il ricordo di gran parte degli eventi vissuti nella propria esistenza. Sembrerebbe che alcune aree del cervello siano le responsabili di questa particolarissima condizione.

A dimostrarlo è uno studio condotto da ricercatori della Fondazione Santa Lucia di Roma in collaborazione con altri istituti di ricerca italiani. Lo studio, apparso sulla rivista Cortex, descrive alcune aree del cervello identificate mediante Risonanza magnetica funzionale.

Nello specifico, i ricercatori hanno utilizzato tale metodica per osservare in attività il cervello di un gruppo di volontari impegnati a ricordare eventi antichi di 20 anni. In particolare l’esperimento ha preso in esame la capacità di ricordare un evento di 20 anni prima di 8 persone con super memoria e di 21 persone senza deficit di memoria. Grazie all’impiego della Risonanza magnetica funzionale, gli scienziati hanno osservato in tempo reale l’attività cerebrale dei volontari e hanno così identificato le aree più attive nell’organizzazione dei ricordi. I risultati ottenuti, hanno dimostrato che nelle persone con super memoria si registra una maggiore specializzazione nella parte ventro-mediale della corteccia prefrontale del cervello. Quest’ultima è un’area che con grande probabilità organizza le funzioni cognitive superiori. Inoltre, la stessa regione cerebrale sembra sia meno attiva nelle persone non dotate di super memoria.

Questi risultati, aprono sicuramente la strada allo sviluppo di nuove frontiere di ricerca per la neuroriabilitazione della memoria e delle persone con lesioni cerebrali. Infatti, comprendere i sistemi neurobiologici alla base della super memoria fornisce importanti indicazioni. Ad esempio, quali aree cerebrali bisogna trattare in caso di malfunzionamento della memoria in persone con deficit o lesioni neurologiche.