bradipo robot

L’ambiente è costantemente minacciato dall’inquinamento, dall’emissione di gas serra che ne compromettono l’integrità. Anche gli animali, soprattutto le specie a rischio, risentono di questi fattori negativi derivanti dalle attività umane. Sembrerebbe però che per monitorare costantemente l’ambiente cercando, per quanto possibile, di proteggerlo, ci sia una nuovo aiuto. Si tratta di un bradipo robot che dovrà mimetizzarsi nell’ambiente per controllarlo cercando di passare inosservato.

L’innovativo bradipo robot è il frutto delle intense ricerche e del lavoro di un nutrito team di scienziati della Georgia Tech. Lento, lentissimo come un bradipo in carne ed ossa, l’androide dovrà diventare invisibile e vivrà appeso a cavi d’acciaio lungo i quali si muove. Il robot, stampato interamente in 3D si muoverà solo se sarà strettamente necessario. Il suo compito principale è quello di monitorare i livelli di inquinamento e di CO2 presenti nell’ambiente insieme ad alcuni altri fattori. Inoltre, il bradipo robot potrà controllare le specie a rischio di estinzione, sia animali che vegetali, presenti nel luogo in cui si trova.

I ricercatori hanno sviluppato il loro bradipo robot facendo si che esso funzionasse grazie a pannelli solari. Al proprio interno l’androide conserva tutto il necessario per poter svolgere la sua missione. Il bradipo non ha bisogno di essere sottoposto a manutenzione e visto che sfrutta energie rinnovabili per funzionare, potrà essere utilizzato per anni. Tutto ciò, senza richiedere alcun intervento da parte dell’uomo.

Gli scienziati affermano che il loro prodotto potrebbe essere impiegato anche in agricoltura. Infatti, potrebbe garantire il monitoraggio costante delle piante grazie al suo occhio vigile. Potrebbe anche scoprire malattie ed infestazioni di parassiti prima dell’uomo riducendo in tal modo i costi e, soprattutto, l’utilizzo dei pesticidi.

Nel video che segue possiamo osservare il bradipo robot all’opera.