ragazzi

Le allergie di tipo respiratorio e l’asma sono disturbi che possono manifestarsi a tutte le età. Sembrerebbe però, che i giovani che vanno a letto più tardi e si svegliano più tardi hanno una probabilità più alta di sviluppare asma ed allergie.

A dimostrarlo è uno studio pubblicato su ERJ Open Research condotto da un team di ricercatori internazionale. Per il loro lavoro gli scienziati hanno analizzato i dati di 1684 ragazzi del Bengala occidentale (India). Tutti i ragazzi avevano un’età compresa tra i 13 ed i 14 anni. I ragazzi hanno dovuto rispondere a domandi riguardanti le loro abitudini e preferenze riguardanti il sonno. In particolare, essi hanno risposto sottolineando l’orario medio in cui si mettevano a letto.

Prendendo in considerazione altri fattori collegati al rischio di asma e di allergie, i ricercatori hanno scoperto qualcosa di incredibile. Infatti essi hanno notato che l’asma era maggiormente presente in quei giovani che si svegliavano più tardi. Questo rischio era tre volte più alto rispetto a quello riscontrato in ragazzi che non si svegliavano tardi. Inoltre, gli scienziati hanno anche scoperto che il rischio di incorrere in rinite allergica era più alto nei ragazzi che andavano a dormire tardi. Questo è il primo studio che dimostra l’esistenza di un collegamento diretto tra l’asma e le abitudini relative agli orari del sonno.

Subhabrata Moitra, ricercatore dell’Università di Alberta che ha partecipato allo studio, ha dichiarato:

«I nostri risultati suggeriscono che esiste un legame tra le preferenze dell’ora in cui andare a dormire e l’asma e le allergie negli adolescenti. Non possiamo essere certi che stare in piedi fino a tardi causi asma. Però, sappiamo che l’ormone del sonno melatonina è spesso fuori sincronizzazione in chi dorme fino a tardi e ciò potrebbe, a sua volta, influenzare la risposta allergica degli adolescenti».