Lo scorso 14 luglio 2020 l’applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp ha subito un blackout per circa un’ora, come sicuramente vi sarete accorti.

In seguito all’ora di down è tornato tutto come prima, o quasi. Alcuni utenti ci hanno infatti segnalato che alcuni messaggi che hanno inviato durante quell’ora, non sono mai più partiti. Ecco i dettagli.

 

WhatsApp: il blackout ha bloccato anche alcuni messaggi in uscita

La scorsa sera i server dell’app sono andati offline e gli utenti non sono più stati in grado di inviare e ricevere né messaggi né immagini e video per circa un’ora. Era ovviamente interdetta anche la possibilità di effettuare chiamate audio e video, fino a quando il problema non è stato risolto. Ad aver gravato sui server dell’azienda potrebbero essere stati i lavori per l’unificazione dell’infrastruttura dei servizi di Menlo Park, ma non solo.

Una problematica tecnica dovuta appunto all’impossibilità di prevedere una situazione come quella che sta attraversando il mondo in questi giorni e che sta gravando sulle infrastrutture di tutti i paesi: basti pensare che in Italia l’aumento del traffico è stato pari a due terzi di quello normale, con una grossa fetta generata dai videogiochi online. Alcuni utenti ci hanno però segnalato un fatto abbastanza strano.

Solitamente quando l’applicazione va in down, in messaggi “inviati” durante il blackout partono automaticamente una volta ristabilita la connessione. Questa volta però alcuni messaggi inviati durante il down e prima di esserne a conoscenza, sono rimasti “bloccati”. Gli utenti ci hanno segnalato che questi messaggi sono rimasti all’interno della chat con una sola spunta, come se il destinatario non fosse raggiungibile. Di conseguenza se non avete ancora avuto risposta ad un messaggio inviato la sera del 14 luglio 2020, probabilmente non lo avete mai inviato.