piante di pomodoro

Anche le piante di pomodoro come tutti gli organismi, vanno incontro a processi di invecchiamento. Sarebbe davvero interessante riuscire ad incrementarne la longevità in modo da aumentare anche la produttività dei pomodori. Sembrerebbe che un particolare gene coinvolto nel processo di invecchiamento delle piante di pomodoro sia la chiave per raggiungere tale obiettivo.

A dimostrarlo è uno studio condotto da ricercatori del Dipartimento di Bioscienze dell’Università Statale di Milano e pubblicato su Scientific Reports. I ricercatori italiani con il loro studio hanno dimostrato che il gene chiamato Hebe è responsabile del processo di invecchiamento nelle piante di pomodoro. Il nome di questo gene non è casuale infatti, richiama il nome della dea della giovinezza della mitologia greca. Secondo quanto affermano gli scienziati, la disattivazione di questo gene permetterà di ottenere coltivazioni più longeve e produttive.

Spegnere un gene per ottenere piante di pomodoro più produttive e longeve

Lo studio dei processi di invecchiamento e maturità delle piante di pomodoro è da sempre argomento di grande interesse in agricoltura. Infatti, riuscire a prolungare la vita delle piante e la capacità fotosintetica delle loro foglie permette di aumentare significativamente la biomassa, la resa delle colture, la conservazione e l’accumulo di sostanze preziose. Il processo di ingiallimento di una foglia si caratterizza per alcuni aspetti peculiari come, ad esempio, lo smantellamento di organelli cellulari e la degradazione della clorofilla. Tutti questi eventi sono sotto il controllo di proteine o meglio, di fattori di trascrizione chiamati Nac. Questi ultimi si legano al DNA e ne regolano la trascrizione. Tra tutti i fattori di trascrizione Nac, gli scienziati italiani hanno posto la loro attenzione su quello che poi hanno denominato Hebe.

Questo si trova espresso soprattutto nelle foglie delle piante di pomodoro e anche nelle gemme floreali. Tale fattore regola i geni coinvolti nel processo di senescenza ed attiva segnali che accelerano tale meccanismo. Il silenziamento del gene che codifica per Hebe determina la produzione di piante di pomodoro che rimangono giovani e verdi più a lungo. Tale risultato, anche se preliminare, fornisce una speranza per lo sviluppo, in futuro, di coltivazioni più produttive e longeve.