cuore

Per invecchiamento si intende l’insieme dei molteplici cambiamenti che avvengono all’interno delle cellule e dei tessuti con il progredire dell’età. Tali cambiamenti hanno come conseguenza l’aumento del rischio di malattie e di morte per il soggetto che sta invecchiando. Alcune persone, però, sembra invecchino prima di altre, perciò l’età anagrafica non può rappresentare un indicatore affidabile del reale declino fisiologico di un individuo. Per tale ragione, alcuni ricercatori hanno pensato di concentrale la loro attenzione sull’età biologica del cuore. Le scoperte hanno davvero dell’incredibile.

Nello specifico ricercatori dell’Università di Padova hanno condotto uno studio in cui hanno determinato l’età biologica del cuore. Lo studio in questione, pubblicato sulla prestigiosa rivista Scientific Reports, ha svelato degli aspetti davvero interessanti. In particolare, gli scienziati italiani hanno determinato l’età biologica del cuore, anche definita età epigenetica, dell’atrio destro e sinistro. Poi l’hanno confrontata con quella dei leucociti del sangue periferico, un tessuto di facile reperibilità.

Dalle loro analisi, i ricercatori padovani hanno scoperto che l’età biologica di entrambi i tessuti atriali del cuore è molto più giovane rispetto all’età cronologica. Si parla di ben 12 anni di differenza. Invece, l’età biologica del sangue è molto simile a quella cronologica. Gli scienziati hanno dunque dimostrato che l’età biologica del cuore non riflette l’età cronologica del donatore. Non esistono differenze significative tra l’atrio destro e sinistro del cuore sebbene esposti a diverse condizioni fisiologiche. Le loro età, di fatto, sono uguali.

Lo studio dei ricercatori padovani apre la strada a nuove linee di ricerca clinica di base nel campo dei trapianti di organi. Inoltre, i risultati ottenuti possono rappresentare una pietra miliare nel processo di approvvigionamento di organi di donatori un aspetto questo, che richiede un’indiscutibile revisione critica dei criteri clinici attualmente accettati.