imbarcazione

Arriva una straordinaria novità nel campo della navigazione. Si tratta di un’imbarcazione che potrebbe essere considerata completamente autonoma dal punto di vista energetico.

Il nome della nuova incredibile imbarcazione è Energy Observer. Al di là delle varie e sofisticate tecnologie all’avanguardia che utilizza, l’imbarcazione è autosufficiente al 100% in quanto utilizza una particolare cella combustibile grazie alla quale riesce a ricavare idrogeno dalla stessa acqua di mare. Inoltre. L’imbarcazione è completamente ricoperta da pannelli solari, energia con la quale supporta il primo processo.

Durante le ore di luce, Energy Observer con i suoi 200 metri quadrati di pannelli solari, riesce a far ricaricare le varie batterie agli ioni di litio. Tutta questa energia immagazzinata servirà proprio per produrre l’idrogeno mediante una speciale cella combustibile. Quest’ultima, denominata Rex H2 è il frutto del lavoro di alcuni ingegneri dell’azienda Toyota. Il funzionamento di questa cella sembra sia piuttosto semplice. Infatti, essa preleva l’acqua del mare, rimuove il sale e separa l’ossigeno dall’idrogeno per ottenere quest’ultimo.

All’inizio, l’imbarcazione riusciva a produrre idrogeno soltanto quando era ferma. Successivamente i tecnici hanno pensato di ricoprire Energy Observer con pannelli solari. Adesso, in presenza della luce solare, l’imbarcazione può autosostentarsi in termini energetici anche quando si muove. Riuscire ad utilizzare l’idrogeno come carburante per spostarsi e non la stessa energia solare è essenziale per una buona autonomia. Ciò, soprattutto se consideriamo che ci troviamo di fronte ad una vera e propria imbarcazione e non ad un piccolo veicolo come un’automobile.

Nel video che segue possiamo vedere Energy Observer durante uno dei suoi viaggi.