Secondo un recentissimo rapporto di Bloomberg, il colosso americano Apple ha recentemente deciso di rimuovere una cifra di circa 30 mila applicazioni dal proprio store cinese.

La notizia cita anche i dati del Qimai Research Institute, secondo il quale il 90% delle applicazioni eliminate dal colosso di Cupertino, sono giochi. Scopriamo insieme il motivo di questa decisione.

 

Apple ha rimosso 30 mila applicazioni dal proprio Store cinese

Apple ha rimosso molte delle applicazioni durante la scorsa notte, la maggior parte tra le 3:00 e le 5:00 ora locale. Non si è trattata di una scelta improvvisa dell’azienda di Cupertino, anzi, sembra che gli sviluppatori interessati fossero già stati avvisati dallo scorso 8 luglio. Non è sicuramente la prima volta che Apple fa una mossa del genere negli ultimi mesi.

Secondo Qimai, il colosso di Cupertino ha recentemente inviato un promemoria agli sviluppatori di giochi sui suoi piani per la rimozione delle applicazioni nel caso non soddisfacessero i requisiti normativi per i pagamenti entro la fine del mese. Lo scorso 1° luglio, per lo stesso motivo, Apple ha rimosso circa 3 mila giochi dallo Store cinese.

Il rapporto ha sottolineato che Apple sta effettuando queste rimozioni per conformarsi alle rigide normative che riguardano i giochi in Cina, che richiedono che gli sviluppatori ottengano una licenza dai regolatori cinesi. Nonostante queste numerosissime eliminazioni, sull’App Store cinese sono ancora disponibili oltre 179 mila giochi.