pinguini imperatore

I pinguini imperatore sono uccelli endemici dell’Antartide e sono i più pesanti ed i più grandi tra tutte le specie di pinguini. Non sono in grado di volare ma le loro ali rigide ed appiattite consentono loro di muoversi agevolmente nell’ambiente marino. Questa specie di uccelli marini è considerata prossima alla minaccia di estinzione. Sembrerebbe, però, che ci siano 11 nuove colonie di pinguini imperatore che gli scienziati finora non avevano mai individuato. Le hanno scoperte grazie all’osservazione delle immagini ottenute dallo spazio.

A rendere nota questa sorprendente scoperta è uno studio pubblicato sulla rivista Remote Sensing in Ecology and Conservation. Lo studio in questione riporta la firma di un team di ricercatori del British Antartic Survey. Nello specifico, per individuare le 11 colonie di pinguini imperatore, gli scienziati hanno utilizzato le immagini del satellite Copernicus Sentinel-2. L’Unione Europea lo ha lanciato con l’obiettivo di monitorare le aree verdi del pianeta e per localizzare perlopiù gli uccelli. Grazie a queste immagini provenienti direttamente dallo spazio, i ricercatori hanno fatto la loro scoperta. Ben 11 colonie di pinguini imperatore sono oggi presenti in Antartide e solo tre di esse erano già state identificate precedentemente.

Generalmente, gli scienziati vanno alla ricerca di questi imponenti uccelli marini rintracciando le macchie di escrementi sul ghiaccio. Una tecnica questa che non può certo essere paragonata alla precisione ed accuratezza ottenute con le immagini satellitari. I ricercatori si dicono emozionati per questa straordinaria scoperta. È una buona notizia in quanto le 11 colonie aumentano del 5-10% il numero dei pinguini imperatore presenti al Polo Sud. Ciò è importante dal momento che questi uccelli sono molto vulnerabili e considerati da tempo a rischio di estinzione.