strade elettriche

L’idea delle strade elettriche è qualcosa che già aleggia nell’aria da qualche anno ma che, finora, nessun Paese al mondo ha realizzato. Si tratta di strade dotate di cavi di ricarica aerei che andrebbero ad alimentare i veicoli, un po’ come succede per i filobus in città. Oggi, però, sembrerebbe che l’idea delle strade elettriche possa essere realizzata davvero ed il primo Paese a dare il via a questo progetto sarebbe il Regno Unito.

A dimostrarlo è uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge. Questi ultimi, hanno calcolato che rielettrificando 7500 km della rete stradale del Regno Unito sarebbe possibile alimentare la maggior parte dei camion elettrici grazie a cavi di ricarica aerei. Tale innovazione, determinerebbe una significativa riduzione delle emissioni di carbonio oltre che permettere ricariche più facili. Infatti, i veicoli anziché dover restare fermi per decine di minuti nei pressi delle colonnine potrebbero ricaricarsi durante il tragitto, in modo molto semplice.

Inoltre, l’elettricità fornita dai cavi aerei alimenterebbe il motore elettrico e ricaricherebbe anche la batteria di bordo. La batteria rappresenta una sorta di salvavita per i camion che poi dovranno muoversi su tratta non provviste di questi cavi elettrici aerei. Un’altra caratteristica delle strade elettriche sarebbe quella di permettere ai camion di potersi sganciare temporaneamente dai cavi ad esempio, durante un sorpasso. Ciò, grazie ad un sistema pantografo che permetterebbe loro di collegarsi e scollegarsi rapidamente a seconda delle necessità stradali.

Dunque l’idea delle cosiddette strade elettriche sta prendendo sempre più piede poiché rappresenta un modo molto efficiente per ridurre le emissioni di carbonio. Infatti, secondo i ricercatori, con tale sistema si arriverebbe a decarbonizzare il 65% dei chilometri percorsi dagli stessi camion in tutto l’UK già entro il 2040.