laparoscopia mininvasiva

La laparoscopia mininvasiva è un approccio chirurgico diverso da quello tradizionale. Nello specifico, per risolvere la patologia del paziente, si eseguono delle piccole incisioni. Il tutto con il supporto di telecamere ad alta definizione full HD che consentono una visione superiore a quella dell’occhio umano. Oggi, però, un nuovo robot chirurgico sembra abbia eseguito un delicatissimo intervento di laparoscopia mininvasiva riportando un notevole successo.

A presentare il nuovo androide chirurgo è uno studio apparso sulle pagine della autorevole rivista Nature Machine Intelligence. Lo studio in questione, riporta la firma di due scienziati provenienti dalla Wyss Associate Faculty di Harvard e dalla Sony Corporation. I loro nomi sono, rispettivamente, Robert Wood e Hiroyuki Suzuki. Questi due scienziati hanno letteralmente portato la robotica chirurgica alla microscala. In altre parole, hanno ideato un manipolatore di movimento comandabile a distanza ispirato agli origami giapponesi.

Il nuovo robot chirurgico, infatti, ha le dimensioni di una pallina da tennis e pesa quanto una monetina. I due scienziati lo hanno già sperimentato in operazioni fittizie mostrando che il loro mini androide potrebbe avere numerose applicazioni nel campo della chirurgia. Nello specifico, il nuovo robot è stato sperimentato in un’operazione di cannulazione della vena retinica. Si tratta di un intervento di estrema difficoltà e che richiede incredibile delicatezza per essere eseguito. Le attuali tecniche di laparoscopia mininvasiva consentono di eseguirlo con successo. Ma grazie all’impiego del nuovo robot chirurgico, gli interventi di laparoscopia mininvasiva diventeranno sempre più efficienti. La precisione, infatti, sarà estremamente elevata e il nuovo robot ha dimostrato di essere all’altezza per svolgere compiti del genere.

Questo robot chirurgico in miniatura, dunque, rappresenta davvero un’incredibile invenzione che potrà permettere di migliorare significativamente l’esito degli interventi di laparoscopia mininvasiva.