ciclo mestruale

Esiste una forma di epilessia genetica generalizzata denominata epilessia catameniale. Quest’ultima è una forma di epilessia che nelle donne determina un aumento del numero di crisi epilettiche durante il ciclo mestruale. Sembra che le donna che soffrono di tale disturbo neurologico abbiano una probabilità più alta di quasi quattro volte di sviluppare un’epilessia resistente ai farmaci rispetto alle donne che riportano cambiamenti nella frequenza delle crisi.

A dimostrarlo è uno studio apparso sulle pagine della rivista scientifica Neurology. Lo studio in questione è il frutto delle ricerche condotte da un team di scienziati della Rutgers University (New Jersey). Per il loro lavoro, i ricercatori hanno esaminato i dati di 589 pazienti con o senza epilessia genetica generalizzata resistenti ai farmaci. Questi dati provenivano dal Columbia Comprehensive Epilepsy Center. Inoltre altri dati relativi a 66 ulteriori pazienti provenivano dallo Yale Comprehensive Epilepsy Center.

L’epilessia generalizzata è una particolare forma di epilessia le cui crisi coinvolgono entrambi i lati del cervello a differenza dell’epilessia focale in cui le crisi iniziano solo in una parte del cervello. L’epilessia generalizzata si ritiene risponda meglio al trattamento farmacologico rispetto a quella focale. Tuttavia, numerosi studi antecedenti al presente dimostrano che una percentuale di pazienti, variabile tra il 18% ed il 36% non risponda bene ai farmaci. I ricercatori della Rutgers University hanno cercato di fornire una risposta a tale quesito. Essi, nello specifico, hanno scoperto che le donne con epilessia generalizzata che avevano un maggior numero di convulsioni durante il ciclo mestruale erano quelle meno responsive ai farmaci.

Dunque, il ciclo mestruale è un particolare periodo che in queste donne affette da epilessia generalizzata si caratterizza per un maggior numero di convulsioni e minore responsività ai farmaci. Studi genetici successivi potrebbero però rivelarsi utili per lo sviluppo di trattamenti terapeutici alternativi.