neuroni

Nel campo delle biotecnologie arriva una grande novità: il trapianto di cellule umane in un tessuto umano, naturalmente non vivente. Ciò, ha permesso di ottenere dei neuroni a partire da cellule della pelle di un donatore umano. Neuroni che successivamente sono stati integrati con successo in colture di tessuto cerebrale a seguito di un trapianto.

A presentare questa straordinaria ricerca è uno studio apparso sulle pagine della prestigiosa rivista scientifica Stem Cells Translational Medicine. Lo studio in questione è il frutto delle intense ricerche condotte da un team di scienziati dell’UBneuro e dell’UBISC dell’Università di Barcellona. In particolare, i ricercatori spagnoli hanno eseguito alcuni esperimenti in laboratorio utilizzando tecnologie all’avanguardia tra cui il tracciamento neuronale monosinaptico basato su virus e le registrazioni elettrofisiologiche.

Gli scienziati hanno innestato i neuroni generati dalle cellule della pelle di un donatore in colture organotipiche della corteccia cerebrale umana adulta. Ovviamente, anche queste colture cellulari derivano da donatori umani. Successivamente a questo “trapianto” i ricercatori hanno scoperto che i neuroni innestati si integravano perfettamente nella rete neuronale. Inoltre gli stessi neuroni riuscivano a stabilire anche dei contatti sinaptici con i neuroni già presenti nella coltura cellulare cerebrale.

Secondo i ricercatori il fatto che le cellule innestate nel pezzettino di cervello in laboratorio provengano da cellule di pelle umana permette potenzialmente anche il trapianto allogenico. Quest’ultimo è un tipo di trapianto che prevede l’utilizzo di cellule provenienti direttamente dallo stesso paziente che deve subire il trapianto. Un modo questo che permette di ridurre significativamente la probabilità di rigetto.