atlante anatomico

Un atlante anatomico è uno strumento pratico, veloce ed esauriente che aiuta a scoprire l’organizzazione del corpo umano. Il tutto mediante illustrazioni e schede dettagliate curate da specialisti del settore. Sin dagli albori della medicina l’atlante anatomico ha rappresentato la base per approcciarsi allo studio del corpo umano e delle malattie che possono colpirlo. Sembrerebbe che il più antico atlante anatomico risalga a più di 2.200 anni fa.

A dimostrarlo è uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Bangor (Galles) poi pubblicato sulla rivista Anatomical Record. Nello specifico, gli scienziati hanno analizzato tre testi scoperti durante gli anni 70 che potrebbero rappresentare i resti del più antico atlante anatomico mai rinvenuto sino ad oggi. I tre testi in questione erano scritti su tre fogli di carta di seta che i ricercatori hanno ritrovato in alcune antiche tombe nel sito di Mawangdui (Cina Meridionale). Si tratta di tombe appartenenti alla famiglia del Dai di Cai, il 10° re dello Stato di Cai che regnò dal 760 a.C. al 750 a.C.. Purtroppo ancora oggi la maggior parte del testo riportato rimane ancora indecifrabile. Nonostante ciò i ricercatori hanno carpito il significato di alcuni termini che sembrano proprio fare riferimento a zone del corpo umano.

Secondo gli scienziati si tratta di testi che precedono anche i più antichi testi di agopuntura cinesi, considerati tra i più antichi testi “medici” della storia. Si tratta di una scoperta senza precedenti e che ha portato alla luce il più antico atlante anatomico mai ritrovato e studiato finora. Un testo forse destinato a medici ed apprendisti della pratica della medicina dell’epoca.