alberi

Avete mai notato che ci sono alberi che crescono davvero molto rapidamente mentre altri sembra impieghino anni ed anni per accrescersi? Sicuramente lo abbiamo notato ma non abbiamo mai posto attenzione sul fatto che gli alberi che crescono più velocemente sono anche quelli che hanno una vita più breve.

A dimostrare questa curiosa caratteristica è uno studio apparso sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Communications. Lo studio in questione riporta la firma di un team di ricercatori dell’Università di Leeds (Regno Unito) coordinato da Roel Brienen. Nello specifico gli autori dello studio hanno notato che gli alberi più veloci a crescere sono anche i più veloci a morire. Per giungere a tale conclusione, gli scienziati hanno preso in esame più di 200.000 anelli di accrescimento dei tronchi di 82 diverse specie di arbusti provenienti da tutto il mondo. Ad oggi, i ricercatori non hanno ancora ben chiaro quali fattori rendano gli alberi più vulnerabili.

I ricercatori inglesi, in collaborazione anche con altri ricercatori tra cui alcuni provenienti dall’Università della Tuscia, hanno scoperto che questo strano fenomeno riguarda molte specie di alberi. È un fenomeno molto diffuso, addirittura in quasi tutte le specie sottoposte allo studio, comprese le specie di arbusti tropicali. Se un albero cresce molto rapidamente vuol dire che possiede anche una grande capacità di immagazzinare la CO2 per effettuare la fotosintesi sottraendola all’atmosfera. Questo aspetto non sembra però risolvere il problema della riduzione dei livelli di questo gas nell’atmosfera.

Secondo Brienen la nostra società, negli ultimi decenni, ha beneficiato della capacità delle foreste di ridurre il tasso col quale si accumula la CO2 nell’atmosfera. Però, questa capacità degli alberi di assorbire questo gas potrebbe diminuire considerevolmente. La conseguenza sarebbe quella di avere intorno a noi alberi che crescono di più, ma che sono più vulnerabili.