primo atlante

Il cuore è l’organo deputato a pompare sangue nei vasi al fine di ossigenare tutti i nostri organi e tessuti. La sua complessità è davvero notevole e riuscire ad avere un quadro completo delle sue caratteristiche citologiche è importantissimo. Così alcuni ricercatori provenienti da vari istituti di ricerca hanno creato il primo atlante delle cellule del cuore umano.

A presentare questo primo straordinario atlante delle cellule cardiache è uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature. Lo studio in questione, come già detto ha coinvolto vari istituti tra cui la Harvard University, il Wellcome Sanger Institute e l’Imperial College di Londa, tanto per citarne alcuni. Nello specifico, gli scienziati hanno creato il primo atlante dove è possibile studiare il cuore umano ad una risoluzione altissima. Sono oltre 500.000 le cellule cardiache mappate ed analizzate fin nei più piccoli dettagli molecolari. Il tutto al fine di svelare come funziona un cuore sano e capire cosa può andare storto in caso di malattia.

Questo primo atlante delle cellule cardiache è il frutto delle ricerche condotte nell’ambito del grande progetto Human Cell Atlas. Quest’ultimo, intende mappare tutti i tipi di cellule presenti nel corpo umano analizzandone anche la funzione svolta. I ricercatori hanno messo in piedi il loro atlante di cellule cardiache analizzando 14 organi sani da donatori non idonei al trapianto. Essi hanno prelevato e studiato oltre 500.000 cellule, combinando analisi biochimiche su singola cellula, tecniche di imaging e di apprendimento automatico. Anche qui l’intelligenza artificiale ha giocato un ruolo importante. Così facendo, gli studiosi hanno individuato quali geni sono espressi e quali no nelle varie cellule, osservando differenze significative tra le varie parti del cuore.

Si tratta di una vera e propria miniera di preziosissime informazioni che potrebbero aiutare gli esperti a comprendere le sottigliezze delle malattie cardiache.