informazioni

Da sette mesi non sentiamo altro che parlare della pandemia da COVID-19. In televisione, alla radio, sui giornali, sui social network. Siamo costantemente bombardati da notizie che riguardano il nuovo coronavirus. Inoltre, ognuno di noi va alla ricerca costante di informazioni sempre più aggiornate sulla pandemia. Sembrerebbe, però che questo uso eccessivo dei social media per ottenere informazioni riguardo la situazione attuale possa essere collegato a depressione e al cosiddetto trauma secondario.

A dimostrarlo è uno studio pubblicato sulle pagine della rivista Computers in Human Behavior. Lo studio riporta la firma di un team di ricercatori della Penn State University. Per giungere a tale conclusione, gli scienziati hanno analizzato gli effetti dell’utilizzo dei social media su 320 soggetti residenti nei distretti di Wuhan. I ricercatori hanno effettuato un sondaggio nel febbraio 2020 durante il quale, i partecipanti dovevano condividere varie informazioni che includevano anche l’uso dei social media. Tra i dati forniti ai partecipanti c’erano anche quelli relativi ai cambiamenti nella loro salute mentale e fisica proprio in seguito all’aumento dell’utilizzo dei social media.

Dal loro sondaggio, i ricercatori hanno scoperto che i soggetti ottenevano molte informazioni dalle loro ricerche. Però, per contro, la metà di essi mostrava dei cambiamenti peggiorativi nel livello di depressione. Addirittura, il 20% dei partecipanti soffriva di depressione moderata oppure grave. Inoltre, molti dei soggetti intervistati mostravano anche segni di traumi secondari, però di forma lieve. Il trauma secondario è un tipo di trauma psicologico che si verifica quando un soggetto subisce un trauma a seguito dell’esposizione a persone che, a loro volta, sono state traumatizzate.

Dunque è bene informarsi costantemente sull’attuale pandemia in corso, ma dobbiamo stare attenti, perché la nostra voglia di informazioni potrebbe arrecarci dei danni. Le informazioni sono essenziali, ma cerchiamo anche di non essere ossessionati dalla loro ricerca.