sensori indossabili

Sembrano usciti dal film Matrix, ma i sensori indossabili prodotti di recente sono reali e rappresentano dei tatuaggi hi-tech direttamente stampati sulla nostra pelle. Si tratta di una tecnologia altamente innovativa che non richiede alte temperature per “fondere” il sensore con il materiale sul quale viene applicato. In questo specifico caso, questo materiale sarà la nostra pelle.

A presentare questi nuovi sensori indossabili è uno studio pubblicato sulle pagine della rivista ACS Applied Materials & Interfaces. L’invenzione è il frutto dell’intenso lavoro e delle ricerche di un team di scienziati della Pennsylvania State University. I ricercatori statunitensi hanno progettato sensori indossabili che possono essere applicati direttamene sulla pelle. Si tratta di una vera e propria novità poiché fino ad oggi, per essere applicati su un materiale, i sensori dovevano passare attraverso un processo di sinterizzazione. Quest’ultimo consiste in una lavorazione con la quale si ottiene un oggetto collocando polvere di materiale in uno stampo. Il tutto, però richiede l’impiego di temperature notevolmente elevate. Ciò, ovviamente è impensabile da utilizzare sulla pelle.

Sensori indossabili: sono ecologici e si rimuovo facilmente

Per superare questo limite, i ricercatori americani hanno provato ad inserire uno strato ausiliario di nanoparticelle. Questo strato avrebbe permesso di non danneggiare la pelle aiutando il materiale a sintetizzare ad una temperatura inferiore ai 300°C. Tuttavia, anche con lo strato ausiliario, le nanoparticelle d’argento sintetizzavano ad una temperatura di 100°C. Notevolmente più bassa rispetto a quella tradizionale, ma ancora troppo alta per impedire di bruciare la pelle. Così, gli scienziati hanno deciso di cambiare la formula dello strato ausiliario ricorrendo ad ingredienti come l’acido polivinilico ed il carbonato di calcio. Con questo nuovo strato, i sensori indossabili possono essere stampati a temperatura ambiente direttamente sulla pelle. Il tutto utilizzando un semplice phon ad aria fredda per asciugare l’acqua utilizzata come solvente nell’inchiostro.

Si tratta di un’invenzione davvero incredibile e che potrebbe trovare numerose applicazioni come, ad esempio, permetterci di monitorare costantemente il nostro stato di salute. Inoltre, questi sensori indossabili sono totalmente ecologici e possono essere rimossi con una semplice doccia calda.