cicloni tropicali

I cicloni tropicali sono sistemi tempestosi originatesi su acque tropicali o subtropicali del pianeta e caratterizzati da un centro o vortice di bassa pressione a nucleo caldo e da numerosi fronti temporaleschi. Sembrerebbe che la velocità di questi sistemi tempestosi abbia registrato un rapido aumento nel corso degli ultimi 40 anni.

A dimostrarlo è uno studio pubblicato sulle pagine della prestigiosa rivista scientifica Environmental Research Letters. Lo studio in questione riporta la firma di un team di ricercatori dell’Università delle Hawaii a Manoa coordinato dal professore Pao-Shin Chu. Secondo gli scienziati, i cicloni tropicali hanno aumentato la loro intensità in particolare per quanto riguarda la velocità nel corso degli ultimi decenni. Per giungere a tale conclusione, i ricercatori hanno analizzato i cicloni tropicali avvenuti sin dal 1982. Si tratta di dati per lo più provenienti dai satelliti di seconda e terza generazione, cioè quelle più affidabili e moderni rispetto a quelli lanciati negli anni 60 e nei primi anni 70.

Durante le loro analisi, essi hanno preso in considerazione sia la frequenza che la posizione delle tempeste e la velocità del movimento degli stessi cicloni tropicali. Ciò, sia a livello globale che regionale. Dai risultati ottenuti, emerge che i cicloni si muovono oggi più rapidamente nei bacini oceanici rispetto a quanto non facessero negli anni 80. Ad oggi, non si conoscono le reali cause di questo fenomeno quantomai interessante.

Secondo gli scienziati, però, una causa potrebbe essere ricercata in una combinazione di cambiamenti climatici a livello naturale e di cambiamenti prodotti dall’uomo che hanno coinvolto il clima. Cambiamenti che non solo hanno aumentato la velocità dei cicloni tropicali ma, hanno anche reso più forti gli uragani.