tè verde caffè

Quotidianamente il consumo di caffè e tè verde in tutto il mondo è molto elevato. Sembrerebbe che il consumo di tali bevande sortisca un effetto positivo sulle persone affette da diabete mellito di tipo 2. Infatti, caffè e tè verde diminuirebbero il rischio di morte per le persone affette da questo disordine metabolico.

A dimostrarlo è una ricerca pubblicata sulle pagine della autorevole rivista BMJ Open Diabetes Research & Care. La ricerca in questione riporta la firma di un team di ricercatori della Kyushu University di Fukuoka (Giappone). Per capire il collegamento tra l’ingestione giornaliera di tè verde e caffè e diabete, gli scienziati hanno analizzato i dati di 4923 soggetti provenienti dal Giappone di cui 2790 maschi. Tutti i soggetti erano affetti da diabete di tipo 2 e avevano un’età media di 66 anni. I dati a disposizione dei ricercatori comprendevano anche le risposte dei partecipanti ad un questionario relativo ai cibi e alle bevande che consumavano quotidianamente. Tra le domande c’era anche quella relativa alla quantità di queste bevande che ingerivano ogni giorno. Inoltre i dati includevano anche informazioni relative allo stile di vita, all’altezza, al peso e alla pressione arteriosa.

Caffè e tè verde: consumati quotidianamente riducono il rischio di morte nei diabeti anche del 27%

Dall’analisi di questi dati, i ricercatori hanno scoperto che chi beveva o tè verde o caffè o entrambi mostrava probabilità più basse di morire per qualsiasi causa. Inoltre, essi hanno anche osservato che bere fino ad una tazza di tè verde ogni giorno poteva essere collegato ad una abbassamento delle probabilità di morire fino al 15%. Mentre bere 2-3 tazze al giorno di tè verde correlava con un rischio più basso di morte del 27%.

Nonostante quanto dimostrato, questo studio è sempre uno studio di tipo osservazionale. Ciò vuol dire che non può stabilire la causa della correlazione caffè-tè verde-minore rischio di morte per i diabetici. Ciononostante, si tratta di una ricerca davvero interessante che, in ogni caso, conferma i benefici sottolineati anche da altri studi relativi all’assunzione giornaliera di queste due bevande.