film dell'orrore

Sicuramente la pandemia da SARS-CoV-2 in atto, ha profondamente cambiato le nostre abitudini di vita e ci ha condotti allo sviluppo di stress e di ansia. Sembrerebbe, però, che per poter superare questo stress correlato alla pandemia, guardare film dell’orrore possa rappresentare un aiuto alternativo.

A suggerire questa idea è Coltan Scrivner, uno studente del Dipartimento di Sviluppo Umano Comparato dell’Università di Chicago. Nello specifico, lo studente americano ipotizza che guardare film dell’orrore potrebbe aiutarci ad essere meno ansiosi anche nei confronti della stessa pandemia in atto. Secondo Scrivner, ciò potrebbe essere spiegabile con l’evoluzione. Infatti, la curiosità a volte anche morbosa di conoscere gli aspetti più pericolosi di quello che stiamo guardando, si rivelava essenziale per evitare queste stesse situazione nel futuro e per acquisire, in generale, conoscenze ed informazioni molto utili per la sopravvivenza.

Per lo studente americano lo stesso discorso, si può fare con la pandemia di COVID-19. La cosa si spiega con il fatto che quando la pandemia ha avuto inizio, il film Contagion, ha riscosso un successo davvero incredibile negli USA. Un film che mostra una trama molto simile a quello a cui noi stessi abbiamo assistito in questi mesi. Secondo lo studente americano, guardare film dell’orrore o film come Contagion, può essere un valido aiuto per abbassare i livelli di ansia. Scrivner, a tal proposito, ha affermato:

«Abbiamo testato qualcosa chiamato “ipotesi di simulazione del calvario” con i fan dei film dell’orrore. L’idea è che chi guarda questi film sia più preparato o meglio, sia più in grado di affrontare la situazione reale».