In seguito al nuovo DPCM era inevitabile che anche gli Apple Store italiani chiudessero per rispettare le nuove norme. Il nostro Paese è stato suddiviso in tre distinte fasce per cercare di contenere la pandemia, e in ciascuna di queste variano le condizioni di apertura e chiusura dei negozi che vendono beni considerati “non essenziali”.

Tra questi “beni non essenziali” sono presenti anche smartphone e dispositivi elettronici che sono venduti all’intero degli Apple Store. Scopriamo quindi i negozi che chiuderanno.

 

Apple Store: ecco i negozi che chiuderanno per rispettare le norme imposte dall’ultimo DPCM

Come già avvenuto a marzo, tornano dunque ad abbassarsi le serrande di tanti Apple Store: l’Italia segue così il percorso intrapreso pochi giorni fa anche da Regno Unito e Francia. Ad essere particolarmente colpite sono ovviamente le regioni in zona rossa, tra cui rientrano Lombardia e Piemonte che ospitano 7 dei 16 negozi italiani della Mela. Qui non è prevista nessuna apertura almeno fino al 3 dicembre.

Il primo giorno di lockdown coincide tra l’altro con il debutto sul mercato di iPhone 12 Mini e di 12 Pro Max. Ciò non dovrebbe tuttavia incidere particolarmente sulle vendite, in quanto l’azienda californiana garantisce il corretto funzionamento dei suoi canali online. L’unico problema potrebbe derivare dall’effettiva disponibilità dei prodotti.

Gli Apple Store chiusi fino al 3 dicembre sono quelli di Carosello, Carugate (MI), Le Gru, Grugliasco (TO), Il Leone, Lonato (BS), Piazza Liberty, Milano, Oriocenter, Orio al Serio (BG), Fiordaliso, Rozzano (MI) e Via Roma, Torino. Mentre via Rizzoli, Bologna, Bufalotta Porta di Roma, Roma, Campi Bisenzio I Gigli, Firenze, EUR Euroma2, Roma, Firenze, Campania, Marcianise (CE), Nave de Vero, Mestre (VE), Centro Sicilia, Misterbianco (CT) e Le Befane, Rimini saranno chiusi solo nel weekend.