Tra meno di un paio di mesi tutti coloro in possesso di un account dell’applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp saranno chiamati ad accettare i nuovi Termini di Servizio.

Secondo le ultime indiscrezioni, gli utenti che decideranno di non accettare le nuove condizioni, non saranno più in grado di utilizzare l’applicazione, scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

WhatsApp: a febbraio nuove condizioni e saremo obbligati ad accettarle

Accadrà l’8 febbraio 2021, ovviamente salvo ripensamenti o rinvii dell’ultimo minuto. A scoprirlo è stata la redazione del sempre ben informato sito WaBetaInfo, esaminando il codice delle ultime versioni rilasciate per l’applicazione. Le nuove 2.20.206.19 per Android e 2.20.130 per iOS introducono la possibilità di mostrare avvisi sotto forma di banner in-app per informare gli utenti: il primo riguarda proprio un messaggio rivolto agli utenti per rendere nota la variazione.

Fa riferimento a due importanti cambiamenti: il modo in cui il servizio elabora le informazioni raccolte e le modalità attraverso le quali i business possono utilizzare i servizi gestiti da Facebook per immagazzinare e gestire le conversazioni. A questo proposito il sito ufficiale afferma che: “Alcune attività potranno scegliere la società madre, Facebook, per archiviare i messaggi e rispondere ai clienti in modo sicuro. Facebook non userà automaticamente i tuoi messaggi per influenzare le inserzioni che vedi, ma le attività potranno utilizzare le chat ricevute a scopi di marketing, che potrebbero includere la pubblicità su Facebook“.

Ciò significa che, sebbene il social network non analizzerà in modo diretto le chat per mostrare inserzioni pubblicitarie personalizzate, non è detto che queste non compaiano: lo potranno fare le singole attività (i profili WhatsApp Business) organizzando campagne di marketing sulla piattaforma in base alle conversazioni intrattenute con i clienti già acquisiti o con quelli potenziali, che chiedono informazioni in merito a prodotti o servizi.

Qualcuno ha già sollevato dubbi in relazione alla privacy, ma da WhatsApp giungeranno inevitabili le rassicurazioni. Sarà sufficiente un tocco per accettare i nuovi Termini di Servizio. In caso contrario bisognerà rinunciare all’applicazione e al proprio account, eliminandolo manualmente oppure attendendo che avvenga in automatico dopo 120 giorni di inattività.