Potrebbe esservi già arrivato negli scorsi giorni il nuovo messaggio Whatsapp che invita ad accettare i nuovi termini di servizio e le norme sulla privacy. L’applicazione permette di avere un mese di tempo per decidere.

Se entro l’8 febbraio 2021, non avrete ancora accettato i nuovi termini di utilizzo, non potrete più continuare ad usufruire dell’applicazione. Scopriamo tutti i dettagli.

 

WhatsApp: entro l’8 febbraio 2021 dovrete accettare i nuovi termini per continuare ad usarla

Ebbene, chi rifiuta non potrà più usare la app di messaggistica dal prossimo 8 febbraio. “Toccando ‘accetto”, accetti i nuovi termini e l’informativa sulla privacy, che entreranno in vigore l′8 febbraio 2021. Dopo questa data, dovrai accettare questi aggiornamenti per continuare a utilizzare WhatsApp. Puoi anche visitare il centro assistenza se preferisci eliminare il tuo account e desideri ulteriori informazioni“, questo il messaggio completo.

Ma le spiegazioni fornite specificano che “non ci saranno cambiamenti nella condivisione dei dati con Facebook in merito alle chat non business e alle informazioni sull’account e, per quanto riguarda la messaggistica aziendale, non stiamo imponendo agli utenti di condividere i dati“. In breve, Whatsapp non ha intenzione di condividere “i dati degli utenti WhatsApp dell’area europea con Facebook allo scopo di consentire a Facebook di utilizzare tali dati per migliorare i propri prodotti o le proprie pubblicità“.

Le alternative alla piattaforma, nel caso non vogliate accettare i nuovi termini sono abbastanza varie. Tra tutti segnaliamo Telegram, ormai solamente seconda a WhatsApp. Esiste anche Signal e Viber. Quest’ultima  permette di effettuare chiamate e videochiamate in alta qualità, inviare messaggi, foto e video e condividere luoghi con altri iscritti Viber a costo zero, ma anche di contattare utenti esterni all’app tramite la funzione a pagamento Viber Out.