app-sicurezza

Un’inchiesta pubblicata dalla stampa britannica ha rivelato che tre applicazioni Android su quattro contengono crawler di “terze parti” che raccolgono informazioni da persone con vari scopi.

Secondo uno studio condotto dall’organizzazione francese Exodus Privacy e Yale University, in Inghilterra, TinderSpotify e Uber sono alcune delle applicazioni che utilizzano un tipo di complemento che utilizza tali dati per mettere a punto campagne pubblicitarie.

Queste applicazioni utilizzano un servizio di proprietà di Google, chiamato Crashlytics, che principalmente tiene traccia delle segnalazioni di un guasto, ma può anche fornire la possibilità di “ottenere informazioni sui propri utenti, su ciò che stanno facendo e includere contenuti sociali per soddisfarli“, hanno detto i ricercatori.

Altri tracker meno utilizzati possono andare molto oltre, come FidZup, un fornitore di tracciamento francese con tecnologia in grado di “rilevare la presenza di dispositivi mobili e quindi i loro proprietari” quando si usano toni ultrasonici. “Gli utenti Android e gli utenti di tutte le app store meritano una catena affidabile di sviluppo, distribuzione e installazione di software che non includa codice di terze parti sconosciuto o mascherato“, hanno affermato i ricercatori. “I difensori della privacy e i ricercatori di sicurezza dovrebbero essere allarmati dai dati e possono fornire analisi più approfondite ora che questa scoperta e la piattaforma Exodus sono state rese pubbliche“, hanno aggiunto.

Mentre Yale non ha esaminato le applicazioni per iOS, la società ha avvertito che la situazione non sarebbe stata migliore nell’App Store di Apple. Molte delle stesse società che distribuiscono app su Google Play lo fanno anche tramite Apple, e le aziende di monitoraggio pubblicizzano apertamente kit di sviluppo software compatibili con piattaforme multiple“, hanno detto i ricercatori. “Pertanto”, hanno aggiunto, “i tracker pubblicitari possono essere impacchettati simultaneamente per Android e iOS, così come per le piattaforme mobili più scure“.