wi-fi

I problemi con la rete Wi-Fi a casa possono essere frequenti, specialmente quando il numero di dispositivi connessi a Internet cresce e il mega contratto non è sufficiente e non è così “mega”. Film a bassa risoluzione e ritardi nel caricamento delle pagine web o l’invio di email con allegati sono alcuni dei mal di testa più frequenti di cui soffrono le persone con le connessioni Internet di casa più disastrose.

Perché le prestazioni sono migliori in una stanza anziché che in un’altra? Perché il segnale cade se la casa è piccola? Per avere un’esperienza migliore e mantenere la rete wireless in condizioni ottimali, ecco una serie di raccomandazioni.

Posizione del router

Il luogo in cui si trova il router (il dispositivo che fornisce la connettività della rete) è fondamentale per godere di una buona esperienza. Molte volte le persone posizionano questo dispositivo in luoghi non convenienti. Ad esempio, sul pavimento, dietro la televisione o all’interno di un armadio, perché non corrisponde all’estetica della casa. Questi dispositivi necessitano di una linea diretta con l’utente per la comunicazione; quindi, se sono installati in quei luoghi, il segnale ne sarà influenzato.

Si consiglia di posizionare il router in un luogo libero e il più centrale possibile rispetto allo spazio che coprirà, in modo che la distribuzione del segnale sia bilanciata e raggiunga tutti gli angoli. Attenzione ai muri con cui è costruito l’edificio: se di mattoni, generano un’attenuazione, ma non è grave. D’altra parte, quelli di cemento armato – che contiene elementi metallici – uccidono completamente il segnale. Il Wi-Fi in spazi aperti può raggiungere circa 50 metri, ma in un appartamento – con pareti e ostacoli – tale distanza può essere ridotta fino a 10 metri.

Bande di frequenza

Wi-Fi

Il Wi-Fi utilizza lo spettro radio, cioè i canali wireless che non sono esclusivi per ciascun utente, ma condivisi. Pertanto, il segnale si indebolisce quando ci sono molti dispositivi collegati alla stessa rete. Il Wi-Fi funziona su due bande di frequenza: 2,4 GHz e 5 GHz (ultima generazione). Poiché la prima banda è la più utilizzata, c’è la possibilità di intermittenze. Il secondo è meno comune; quindi, se si ha la possibilità di collegarsi con quella frequenza, la qualità del servizio sarà più stabile.

Sebbene l’utente possa configurare le proprie apparecchiature per utilizzare la banda a 5 GHz – purché abbiano una scheda di rete adatta per entrambe le frequenze – è consigliabile richiedere la modifica agli operatori di telecomunicazioni. Si noti inoltre che il router dovrebbe stare lontano da dispositivi che interferiscono con queste frequenze, come forni a microonde, console per videogiochi e dispositivi wireless come telefoni, tastiere e dispositivi bluetooth.

Espansione del segnale

Per i luoghi con aree molto grandi, utilizzare dispositivi aggiuntivi che funzionano come amplificatori o ripetitori. Tutto ciò al fine di ampliare l’area di copertura e raggiungere spazi in cui il segnale Wi-Fi originale non raggiunge una potenza adeguata. Sul mercato ci sono un gran numero di alternative per questo scopo. Tenere presente che i dispositivi noti come “wallbreaker” sono illegali. Non possono essere utilizzati perché superano la potenza del segnale Wi-Fi regolato dalla legge.

Cambiare router

Sul mercato c’è un ampio catalogo di questi dispositivi. Ad esempio, è possibile trovare riferimenti che offrono fino a tre bande di frequenza (una di 2,4 GHz e due di 5 GHz) che garantiscono prestazioni eccellenti in attività più impegnative, come trasmissioni in diretta o videogiochi online. Mentre l’acquisizione di un router sembra un’opzione valida per migliorare il segnale, è importante considerare che la maggior parte degli operatori non consente di cambiare quel dispositivo.