apple-shazam

Nella lista appena pubblicata da Apple delle più famose applicazioni per iPhone di quest’anno che c’è un grande assente: Shazam. In effetti, questa popolare applicazione per l’identificazione delle canzoni non appare (ancora) tra i preferiti di Cupertino. Allora, perché Apple ha deciso di acquisire la società londinese?

L’azienda non ha rivelato il prezzo che ha sborsato per l’applicazione musicale, ma c’è chi parla di un massimo di 400 milioni di dollari. Che, se vero, renderebbe questa una delle operazioni più costose per Apple fino ad oggi.

Il gigante della tecnologia americana, inoltre, non ha rivelato le ragioni per cui ha portato a termine l’operazione e ha semplicemente sottolineato che ha “progetti molto interessanti” in mente. Ma ci sono alcuni motivi chiari che potrebbero aver motivato l’acquisto:

1. Scoprire nuova musica

La Apple Airpods
 

Apple ha notato che Shazam si adatta “naturalmente” alla sua piattaforma di streaming musicale. Tuttavia, alcuni credono che il valore reale di acquisizione non sia la tecnologia Shazam. Apple potrebbe aver sviluppato una propria versione, ma i dati memorizzati su Shazam sono relativi a milioni di utenti da più di un decennio. “Apple non ha la stessa quantità di dati sui gusti musicali di Spotify, il che significa che non può fornire raccomandazioni con lo stesso livello di efficienza e precisione”, ha dichiarato Mark Mulligan di Midia Research. “Fondamentalmente, Shazam ti dà un rapido accesso a un gigantesco database“. La musica è uno dei pilastri fondamentali del business di Apple.

2. Sempre “in ascolto”

Apple è anche consapevole del fatto che Google Now e l’Assistente Google hanno utilizzato la tecnologia proprietaria per consentire agli utenti Android di identificare i brani. Ciò ha reso più facile per la più famosa azienda di ricerca aggiungere una funzionalità al suo Pixel 2. Il dispositivo, infatti, mostra sullo schermo in modo proattivo il nome delle canzoni che si ascoltano senza nemmeno aspettare che lo si chieda. Inoltre, lo fa senza la necessità di una connessione a Internet, grazie a un database che viene aggiornato periodicamente e contiene migliaia di brani, eseguendo il processo per identificare la musica sul telefono stesso.

Shazam è un servizio per identificare le canzoni in base ai loro modelli sonori

 

3. Homepod

Apple ha ritardato il lancio del suo altoparlante intelligente per la casa, Homepod, anche se l’hardware utilizzato dal dispositivo è stato presentato lo scorso giugno. Il che suggerisce che il problema di aver ritardato la vendita ha a che fare con il suo software. Forse parte della tecnologia di riconoscimento audio di Shazam può essere una soluzione rapida o, almeno, Apple potrebbe pensare di avere una capacità extra in futuro.

4. Pubblicità in realtà aumentata

Sebbene Shazam sia meglio conosciuto per la sua capacità di identificare una canzone, l’applicazione ha aggiunto alcuni strumenti di realtà aumentata. La tecnologia che sta usando sovrappone la grafica a immagini reali scattate con una fotocamera per smartphone e questo è qualcosa a cui il CEO di Apple, Tim Cook, è particolarmente interessato.

Cook ha ripetutamente considerato che la realtà aumentata ha una “profondità” maggiore della realtà virtuale, che limita gli utenti alle immagini generate da un computer. Shazam si è concentrato sull’offrire le sue capacità di realtà aumentata. E questo ci porta a parlare di occhiali per la realtà aumentata. Forse l’azienda di Tim Cook è interessata a sviluppare strumenti innovativi basati sugli sforzi che Shazam ha già fatto in vista del lancio di questo nuovo prodotto.

Ti potrebbe interessare