iphone foto

Chi possiede un iPhone, probabilmente, ci avrà fatto caso. La funzione di ricerca di immagini, oltre al lato molto giocoso, offre una buona panoramica del progresso degli algoritmi di Apple in termini di riconoscimento delle immagini, ma anche dei suoi errori.

La stessa funzione, ovviamente, esiste sugli smartphone Android. Per quelli Apple, basta aprire l’applicazione fotografica. Nel menu in alto, vedrai la presenza di una piccola lente d’ingrandimento. Non è apparsa da poco – Apple ha annunciato nell’estate 2016 questa nuova tecnologia integrata con il suo smartphone: il riconoscimento delle immagini – ma è relativamente discreta.

Se fai clic sulla lente di ingrandimento, viene visualizzata una barra di ricerca. Digitando una parola, come “fauna selvatica”, e a condizione che abbiate mai scattato foto di animali foto con lo smartphone, l’applicazione offre tutte le istantanee del vostro gatto, degli elefanti della vostra vacanza africana e delle mucche dal vicino della nonna.

Provate con “flora”, “tramonto”, “bevanda”. Le categorie variano da un iPhone all’altro, probabilmente a seconda del tipo di immagini registrate nelle nostre app. Ad esempio, nell’album “Cibo”, l’app organizza le foto di piatti che abbiamo ripreso.

In totale, gli sviluppatori di Apple hanno completato circa 4.500 parole chiave inerenti questi “album”. Alcuni di loro sono a dir poco curiosi. “Slip” o “Boxer shorts” o “Boxer” e molti altri. Questa tecnologia di ricerca ha anche dato origine alla funzione “Memorie” nell’app Foto.

Ti potrebbe interessare