app-store

Un affare da 300 milioni di dollari, non c’è dubbio che App Store siano una delle principali fonti di guadagno per Cupertino, una vera e propria gallina dalle uova d’oro, che riempie le casse dell’azienda e anima l’ecosistema che muove iPhone e iPad.

Sembra passata una vita, ma al momento dell’uscita del primo Melafonino lo store delle app nemmeno esisteva, adesso è impensabile farne a meno. Proprio per questo il brand californiano cura con particolare attenzione App Store, in queste ore è infatti arrivata una novità degna di nota. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

E’ notizia di queste ore la pubblicazione di una nuova sezione, dedicata alle applicazioni che prevedono un periodo di abbonamento prova. Opzione ideale per chi è in cerca di servizi utili ma non intende legarsi a scatola chiusa. App note al grande pubblico quali Runtastic, MUBI e Netflix, prima provate e poi decidete se abbonarvi o meno.

Apple punta moltissimo su questo tipo di proposta, periodi di prova gratuiti o scontati allo scopo di offrire una vetrina agli sviluppatori. App Store continua a macinare numeri da record e lo fa tenendosi al passo con i tempi, soprattutto per quanto riguarda la fruizione di contenuti multimediali.

Ti potrebbe interessare